Breve introduzione alle Rocce

Le Rocce subiscono continue modifiche. Le rocce che vengono dal profondo della Terra, sono le rocce di origine vulcanica o magmatica o ignea. Le rocce ignee  subiscono nel tempo una continua erosione, i detriti dell’erosione generano sedimenti. I sedimenti nel tempo si compattano e generano rocce sedimentarie. Le rocce sedimentarie e ignee possono per i movimentio della crosta terrestre inabissarsi nel sottosuolo. Nel sottosuolo abbiamo pressioni e temperature molto alte che modificano le rocce, le trasformano, ecco abbiamo le rocce metamorfiche. Ma prima di procedere impariamo a distinguere tra la parola roccia e la parola minerale, che ovviamente non sono sinonimi.

Differenza rocce e minerali

Un minerale si può ritrovare in molte rocce, così una roccia può essere composta da più minerali. La densità di una roccia ci indirizza verso il luogo della sua origine, ad esempio una roccia ad alta densità deve farci pensare che si è formata a notevole profondità dove le pressioni sono molto forti.

La Roccia

Una Roccia essendo composta da più minerali non è ben definibile chimicamente.
La Roccia non ha una formula chimica certa, la Roccia è un composto di varie formule chimiche.
E’ più facile definire una Roccia guardando alla sua origine: ignea, sedimentaria e
metamorfica.

La Roccia Ignea

La Roccia Ignea origina dal fuoco, dal magma, dai vulcani.

La Roccia Sedimentaria

La Roccia Sedimentaria origina dal deposito di detriti che nel tempo riformano una
nuova roccia meno compatta.

La Roccia Metamorfica

La Roccia Metamorfica origina da rocce ignee o metamorfiche che in profondità
vengono trasformate e ricompattate.

Il ciclo delle Rocce

Il ciclo delle Rocce indica il continuo cambiamento  modifica che subisce una roccia.

Una roccia ignea venuta in superficie subisce gli effetti disgregatori di acqua, vento, gelo, caldo, ecc e cos’ la roccia ignea si trasforma in roccia sedimentaria.

La roccia sedimentaria per effetto dei movimenti della crosta terrestre può inabissarsi e venire a contato con camere magmatiche e così per riscaldamento si trasforma in roccia metamorfica.

Facciamo un esempio: i silicati risalgono dal mantello in forma fusa, tramite un vulcano si aprono la strada sulla crosta oceanica, producendo basalto. Il basalto igneo per effetto di una lunga erosione si trasforma in sabbia, la sabbia, in argilla, poi per diagenesi in arenaria.  L’arenaria è una roccia facilmente lavorabile e perciò fragile.  Se l’arenaria va in subduzione per effetto di alte temperature e alte pressioni si trasforma in quarzite. La quarzite è una roccia molto resistente. La roccia a questo punto può riemergere per subire nuove erosioni….