Il cane è la specie animale più legata all’uomo e l’evoluzione del cane è legata alla diffusione vincente dell’homo Sapiens sulla Terra.

Il cane esiste da 36.000 anni, quindi in concomitanza con la scomparsa dei Neanderthal.  Anzi secondo taluni l’alleanza Sapiens-cane fu una delle cause dell’estinzione del Neanderthal.

Origini del cane

Il cane deriverebbe dal lupo grigio. Il lupo grigio deriverebbe dai lupi dell’alto artico siberiano.

In Siberia 30.000 anni fa in questi ambienti estremi inizierebbe la storia dei cani allevati appositamente dall’uomo per la caccia all’orso e il trasporto in slitta.

Gli incroci cane-lupo danno progenie relativamente fertile. Il cane-lupo non è interessato all’uomo, non desidera l’uomo, diversamente dal cane che ricerca l’attenzione dell’uomo.

Segni dell’alleanza uomo-cane si hanno nelle sepolture dei canidi in Eurasia, che cominciarono almeno 14.000 anni fa.

Canidi e cani in Australia

L’antenato del dingo moderno giunse in Australia 5.000 anni fa. Secondo taluni sarebbe un cane asiatico rinselvatichito, secondo altri deriverebbe dai lupi. Sta di fatto che il dingo moderno è un incrocio tra i dingo di 5000 anni fa e i cani portati dagli europei nell’ottocento. Prima del dingo c’era il tilacino, un marsupiale australiano morfologicamente molto simile a cani.

Canidi e cani in America settentrionale

Nell’America settentrionale esistevano già canidi, ma non i cani.

15.000 anni fa i primi cani avrebbero attraversato la Beringia con l’uomo. Il più antico cane rinvenuto in America ha 10.000 anni e quindi sarebbe giunto non con la prima migrazione del Sapiens, ma solo con quelle successive.

Canidi e cani in America meridionale

I canidi giunsero in America Latina solo 3 milioni di anni fa, solo con la formazione dell’istmo di Panama che collegò il nord e col sud America.

Il cane domestico arrivò in sud America solo con i conquistadores spagnoli nel cinquecento.

Osservazione finale

È interessante notare che nè in Australia nè in sud America i canidi presenti furono domesticati dall’uomo, ma bisognava attendere le conquiste coloniali di inglesi e spagnoli per l’introduzione di cani domestici, che come si è visto comparvero per la prima volta nella gelida Siberia.

Testi: Pat Shipman